Come il mare ad occhi chiusi – Elena Grilli – recensione

Scritto con un italiano molto fluido, il romanzo inizia proprio come dovrebbe: con la caratterizzazione del killer. Opportuna e interessante la descrizione delle debolezze di questo uomo che contrastano con le caratteristiche che un assassino professionista dovrebbe avere.

Sin dalle prime pagine comincia a dipanarsi una trama che interessa diversi personaggi con i quali il lettore presto familiarizzerà.

L’intreccio creato dall’autrice è buono e regge lungo l’intera stesura del romanzo. Alcune trovate sono davvero geniali.

Sebbene stiamo parlando di un libro dalla lettura piacevole, a nostro avviso però non ha le peculiarità di un thriller. Infatti, diverse pagine lo fanno virare verso il “Giallo – Rosa”.

Recensione dello staff di Non Solo Manoscritti

 

476total visits,1visits today